20° anniversario dello Statuto delle Nazioni Unite

Portrait of Emperor of Ethiopia Haile Selassie

L‘occasione che si osserva oggi segna il 20 ° anniversario dalla firma dello Statuto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Allo stesso tempo anche, l’anno in corso, 1965, è stato designato come Anno della Cooperazione Internazionale e viene osservato come tale in conformità con i suggerimenti formulati dal defunto primo ministro dell’India Nehru per “aver posto maggiormente l’accento sullo spirito di buona collaborazione e comprensione esistenti tra i governi dei paesi i cui rapporti sono spesso conosciuti in termini di problemi internazionali, conflitti ed incomprensioni. ”

Come membro fondatore delle Nazioni Unite venti anni fa oggi, l’Etiopia ha portato avanti in modo soddisfacente i suoi obblighi per rafforzare l’assetto costituzionale del corpo mondiale nel corso degli anni. Come membro di varie agenzie dell’organizzazione mondiale, nell’assolvimento dei suoi doveri si è anche avvalsa dei servizi resi dall’organismo internazionale.

Oggi, i popoli del mondo stanno per riuscire a superare le barriere di tempo e spazio per vivere come membri di una famiglia di nazioni strettamente legata come risultato dei progressi compiuti dalla scienza moderna e tecnologia. Si può dire, quindi, che il mondo ha ormai raggiunto la fase in cui le questioni che interessano ogni singola nazione riguardano i membri di tutta la comunità internazionale.

Come meglio allora potrebbe un mondo più unito, popoli più intimamente legati, raggiungere il nobile obiettivo di rafforzare ulteriormente lo spirito di cooperazione internazionale, stabilendo un clima di conoscenza reciproca e comprensione, e di fare uno sforzo per creare un mondo di suprema pace e felicità? La risposta a questa domanda fondamentale deve essere fornita dall’Organizzazione delle Nazioni Unite che ora sta osservando il ventesimo anniversario della sua fondazione. In occasione dell’osservanza di questo 20esimo anniversario, è davvero il momento di contemplare ciò che questa organizzazione è, quali sono le sue potenzialità e, sulla valutazione dei risultati conseguiti nel corso degli ultimi venti anni, proiettare ciò che dovrebbe essere – questa organizzazione in cui l’umanità ha riposto la sua fede come un utile strumento per esplorare modi di risoluzione delle controversie e conflitti tra Stati e governi e per il mantenimento della pace internazionale e sicurezza, dando suggerimenti sul modo migliore per migliorarlo ulteriormente.

 

La speranza del genere umano

Lo Statuto delle Nazioni Unite incarna le speranze ed aspirazioni fondamentali del genere umano, di tutela dei diritti umani, mantenimento della pace nel mondo; alzando gli standard globali di vita, ed avanzandogli standard educativi senza fare alcuna distinzione di razza, sesso, lingua e religione. E queste speranze ed aspirazioni del genere umano non possono che essere di valore quando noi stessi siamo dedicati a perseguire l’obiettivo stabilito attraverso il rispetto costante delle disposizioni dello Statuto e lavorando per la loro realizzazione finale. Un’ incrollabile dedizione allo Statuto è essenziale affinché la pace del mondo possa essere rafforzata ed i diritti umani fondamentali salvaguardati adeguatamente. A parole e con i fatti, dobbiamo portare l’esempio di uno spirito risoluto a difendere la moralità internazionale se minacciati e, se necessario, a soffrire e morire per la verità e la giustizia in modo che questa morale internazionale sarà rafforzata e potenziata. Come abbiamo detto in varie occasioni, in passato, la responsabilità della salvaguardia della pace mondiale non spetta solo alle Grandi Potenze. La pace e la guerra non riguardano solo le Grandi Potenze ma tutta l’umanità e costituiscono quindi l’interesse di tutti i popoli del mondo.

La cooperazione e la comprensione sono fondamentali per il mantenimento della pace mondiale; quindi è dovere della comunità internazionale di adoperarsi in modo che questo spirito possa essere rafforzato e reso universale tra tutte le nazioni che detengono la responsabilità di salvaguardare la pace nel mondo.

I popoli del mondo traggono nuova forza morale e speranza considerando quello che le Nazioni Unite possono fare per raggiungere gli obiettivi di cui sopra. A causa dell’esistenza delle Nazioni Unite le controversie esistenti tra due stati in cui l’interesse di uno di esse viene calpestato dall’altro possono diventare infine una questione di opinione pubblica internazionale che potrebbe influenzare la giustizia della causa. L’organizzazione ha inoltre il potere e l’influenza di dare ai conflitti internazionali l’opportunità di permettersi un periodo di tempo per la riduzione del carattere di tali conflitti e di mitigare le forze del male prima che esse raggiungano un punto di esplosione che può distruggere il genere umano.

Trovare soluzioni

Le attività dell’Organizzazione delle Nazioni Unite possono innalzare gli standard di vita dei popoli in tutto il mondo. Tuttavia, come può essere possibile per questo grande compito essere portato a compimento in maniera soddisfacente quando alcuni Stati membri non adottano le decisioni dell’Organizzazione? Come può l’ultima speranza del genere umano raggiungere il suo nobile obiettivo quando alcuni Stati stanno perseguendo i loro fini egoistici sottraendosi all’autorità della dell’organizzazione internazionale? Non significa forse che, se le soluzioni ai problemi di fronte al mondo non sono fondate dall’Organizzazione, e se queste, quando trovate, non sono accettate da tutti gli Stati membri, il corpo internazionale cresce sempre più debole? Sentiamo che le Nazioni Unite nei suoi sforzi di fornire un corpo di diritto internazionale e di garantire il suo rispetto è caduto di fronte alle aspettative.

Quale linea di azione dovrebbero le piccole nazioni perseguire vis ‘a vis nel quadro costituzionale prevalente dell’Organizzazione delle Nazioni Unite e della situazione internazionale attuale? Le piccole nazioni dovrebbero evitare di rendersi strumenti di accensione dell’attrito tra le Grandi Potenze. La ricezione di aiuto allo sviluppo e di altre forme di assistenza straniera non dovrebbe essere condizionata da obblighi di presa di posizione. Al fine di raggiungere questo obiettivo, non solo dovrebbero aderire ad una politica di non allineamento, ma dovrebbero anche contrastare e proscrivere costantemente tutti i piccoli conflitti causati, e quelli a venire, dalla prevalente guerra fredda internazionale. In un momento in cui stiamo cercando duramente di fermare la corsa agli armamenti, siamo convinti che una guerra nucleare potrebbe devastare il mondo intero. Tuttavia, dobbiamo lavorare insieme per la fine delle piccole guerre che stanno consumando le energie delle nazioni di piccole dimensioni e decimando la nostra gente. Dato che la dottrina insostenibile della supremazia razziale, è una minaccia per il mantenimento della pace internazionale e della sicurezza, nonché una grave battuta d’arresto per la creazione di un clima salubre di comprensione e cooperazione nel mondo, dobbiamo lavorare insieme contro la filosofia del razzismo.

 

Le Nazioni Unite hanno l’autorità?

Ha l’Organizzazione delle Nazioni Unite l’autorità per il raggiungimento di questi obiettivi? L’organizzazione mostra uno spirito zelante nel perseguire questi fini coerentemente? Se non ha l’autorità per fare queste cose, siamo pronti e disposti a conferire una potenza sufficiente all’organizzazione per svolgere il suo compito in modo soddisfacente? Se vogliamo sopravvivere anche l’Organizzazione deve sopravvivere. Se deve sopravvivere, deve essere rafforzata. E, per rafforzare la sua struttura, l’organizzazione deve avere l’autorità necessaria. Il debole non deve essere sbranato o molestato dal forte. Tutti i membri che soddisfano le condizioni che danno diritto alla partecipazione dovrebbero essere ammessi all’Organizzazione. Perché la pace non può regnare in una atmosfera che emana cattivo odore di povertà e fame, Dobbiamo esplorare e rafforzare i mezzi per nutrire gli affamati, vestire gli uomini nudi, ed illuminare gli analfabeti.

Oggi le grandi potenze dovrebbero svegliarsi di fronte alla realizzazione del fatto che la chiave per il loro destino e per la loro futura felicità non risiede solo nelle loro mani. Non c’è pace senza cooperazione. Si rende noto che i principi sanciti nello Statuto e le risoluzioni adottate dall’Organizzazione non sono lì per essere rispettati ed implementati solo dalle piccole nazioni. Negli sforzi in atto per alleviare la gravità dei problemi del mondo, le piccole nazioni dovrebbero avere voce in capitolo. Le loro voci devono essere ascoltate. Un clima di fiducia reciproca e la fiducia non può essere stabilita se il diritti delle piccole nazioni non sono concessi con lo stesso rispetto di quelli delle Grandi Potenze. Al fine di realizzare questi compiti, è indispensabile risvegliare la coscienza dell’umanità. In ogni caso, la forza e la fiducia reciproca sono due qualità indispensabili per raggiungere l’obiettivo comune. Anche se c’è forza, il terreno comune di reciproca fiducia deve essere stabilito. Per stabilire questo, dobbiamo lavorare diligentemente. Una volta che siamo in grado di fare ciò che è umanamente possibile, il resto dovrebbe essere lasciato a Dio Onnipotente. Affinché l’uomo che ha creato a Sua stessa immagine non possa essere distrutto, riponiamo la nostra fede in Dio.

“Selected Speeches of His Imperial Majesty Haile Selassie I”, pagg. 378-382